STORIA

Il rifugio La Vasca si trova nel territorio del comune di Craveggia, paese di origine rurale come dimostra il nome stesso del paese: cravetia/capretia, derivanti da “capra”, animale inserito anche nello stemma del paese. Craveggia è uno dei borghi più pittoreschi della Valle Vigezzo grazie alle splendide montagne che lo incorniciano ed agli innumerevoli ed antichi camini che svettano sopra i tetti in pietra caratteristici della Valle. In passato questi camini erano considerati un simbolo di ricchezza dalle famiglie nobili del luogo che rivaleggiavano tra loro su chi ne costruiva di più imponenti e numerosi. Salendo da Craveggia per raggiungere il nostro rifugio, si può godere di un panorama suggestivo e fuori dal tempo dove le beole di roccia delle case e gli aguzzi tetti dei campanili lasciano il posto ai pini ed alla vegetazione incontaminata che circonda il rifugio La Vasca.

Crocevia di passaggio fin dai secoli più antichi, il luogo dove sorge il nostro rifugio ospita un ponte costruito in epoche remote dagli antichi romani ed utilizzato anche nel corso del Medioevo. La vista che si presenta ai nostri giorni è la stessa che si presentava in antichità ai popoli che vivevano in questi luoghi.

Il nostro rifugio nacque ufficialmente nel 1976 e da quel momento è sempre stato un punto di riferimento per gli abitanti del luogo oltre che per i numerosi francesi e svizzeri che popolano la Valle, in particolar modo Craveggia, dove la presenza francese è tuttora molto viva. Le antiche e genuine tradizioni contadine che nacquero in tempi ormai dimenticati, al nostro rifugio non sono mai tramontate.